consulenza legale online
HOMEPAGE pagina precedente Responsabilità civile - La presenza di un cantiere stradale non fa venir meno l'obbligo di custodia dell'ente proprietario della strada

Responsabilità civile - La presenza di un cantiere stradale non fa venir meno l'obbligo di custodia dell'ente proprietario della strada


In caso di perdurante apertura al pubblico traffico di un'area interessata da lavori in corso, permane l'obbligo di custodia dell'ente pubblico proprietario del tratto stradale, con la conseguenza che è tale ente ad essere tenuto, in via esclusiva, ad apporre adeguata segnaletica stradale, trattandosi di adempimento non riconducibile agli obblighi dell'impresa appaltatrice, in assenza di prova che il predetto ente abbia, nell'ambito del contratto di appalto, trasferito all'impresa l'obbligo di una corretta ed efficace installazione della segnaletica in questione. Il principio, già enunciato dal giudice di legittimità, è stato ora ribadito in una recente sentenza. Nel caso di specie, la Suprema Corte, accogliendo il ricorso degli eredi, ha cassato con rinvio la sentenza impugnata con la quale la corte territoriale, in una controversia insorta a seguito di un incidente mortale occorso durante l'esecuzione di lavori per il rifacimento del tratto stradale, aveva attribuito alla vittima un grado di responsabilità nella causazione del sinistro pari al novantotto per cento.
Nel censurare la motivazione della sentenza del giudice di merito, ritenendola illogica ed anche contrastante con le vigenti norme in materia di sicurezza stradale, la Corte specifica che il guidatore non deve presumere, ma avere chiare indicazioni sulla condotta di guida da seguire, soprattutto quando la situazione è particolarmente pericolosa, come nel caso di specie in cui da una strada complanare a sole due corsie di marcia ci si immette in una strada più grande, a quattro corsie di marcia, che, a causa di lavori, che interessano una parte della carreggiata, si è di fatto ridotta a sole due corsie di marcia. In ipotesi di istituzione provvisoria di un doppio senso di circolazione su una sola carreggiata in strada in precedenza a doppia carreggiata, conclude la Cassazione, situazione ad elevatissimo rischio, tale condizione deve essere evidenziata da coni o delineatori sensibili onde rendere possibile la non percorribilità della corsia preclusa.